//
you're reading...
ART, Italiano, Pasolini Pier Paoli

Loneliness – Pier Paolo Pasolini

Teorema, 1968 - Film by Pier Paolo Pasolini .

Teorema, 1968 – Film by Pier Paolo Pasolini .

“La solitudine” di Pier Paolo Pasolini

Bisogna essere molto forti

per amare la solitudine; bisogna avere buone gambe

e una resistenza fuori dal comune; non si deve rischiare

raffreddore, influenza e mal di gola; non si devono temere

rapinatori o assassini; se tocca camminare

per tutto il pomeriggio o magari per tutta la sera

bisogna saperlo fare senza accorgersene; da sedersi non c’è;

specie d’inverno; col vento che tira sull’erba bagnata,

e coi pietroni tra l’immondizia umidi e fangosi;

non c’è proprio nessun conforto, su ciò non c’è dubbio,

oltre a quello di avere davanti tutto un giorno e una notte

senza doveri o limiti di qualsiasi genere.

Il sesso è un pretesto. Per quanti siano gli incontri

– e anche d’inverno, per le strade abbandonate al vento,

tra le distese d’immondizia contro i palazzi lontani,

essi sono molti – non sono che momenti della solitudine;

più caldo e vivo è il corpo gentile

che unge di seme e se ne va,

più freddo e mortale è intorno il diletto deserto;

è esso che riempie di gioia, come un vento miracoloso,

non il sorriso innocente, o la torbida prepotenza

di chi poi se ne va; egli si porta dietro una giovinezza

enormemente giovane; e in questo è disumano,

perché non lascia tracce, o meglio, lascia solo una traccia

che è sempre la stessa in tutte le stagioni.

Un ragazzo ai suoi primi amori

altro non è che la fecondità del mondo.

E’ il mondo così arriva con lui; appare e scompare,

come una forma che muta. Restano intatte tutte le cose,

e tu potrai percorrere mezza città, non lo ritroverai più;

l’atto è compiuto, la sua ripetizione è un rito. Dunque

la solitudine è ancora più grande se una folla intera

attende il suo turno: cresce infatti il numero delle sparizioni –

l’andarsene è fuggire – e il seguente incombe sul presente

come un dovere, un sacrificio da compiere alla voglia di morte.

Invecchiando, però, la stanchezza comincia a farsi sentire,

specie nel momento in cui è appena passata l’ora di cena,

e per te non è mutato niente: allora per un soffio non urli o piangi;

e ciò sarebbe enorme se non fosse appunto solo stanchezza,

e forse un po’ di fame. Enorme, perché vorrebbe dire

che il tuo desiderio di solitudine non potrebbe essere più soddisfatto

e allora cosa ti aspetta, se ciò che non è considerato solitudine

è la solitudine vera, quella che non puoi accettare?

Non c’é cena o pranzo o soddisfazione del mondo,

che valga una camminata senza fine per le strade povere

dove bisogna essere disgraziati e forti, fratelli dei cani.

Franco Confessore, mio amico di Napoli, ha fatto questo magnifico video:

Pier Paolo Pasolini

Pier Paolo Pasolini holding his 1957 book of poems, Le ceneri di Gramsci, date unknown. Photo Sandro Becchetti

Pier Paolo Pasolini holding his 1957 book of poems, Le ceneri di Gramsci, date unknown. Photo Sandro Becchetti

 

Films:

Year Original title English title Notes
1961 Accattone Accattone! Screenplay by Pier Paolo Pasolini based on his novel Una vita violenta. Additional dialogue by Sergio Citti.
1962 Mamma Roma Mamma Roma Screenplay by Pier Paolo Pasolini with additional dialogue by Sergio Citti.
1964 Il vangelo secondo Matteo The Gospel According to Matthew Silver LionVenice Film Festival
1966 Uccellacci e uccellini The Hawks and the Sparrows  
1967 Edipo re Oedipus Rex  
1968 Teorema Theorem[17] Pasolini’s novel Teorema was also published in 1968.
1969 Porcile Pigsty  
1969 Medea Medea  
1971 Il Decameron The Decameron Based on The Decameron by Giovanni Boccaccio. Won theSilver Bear at the 21st Berlin International Film Festival.[18]
1972 I Racconti di Canterbury The Canterbury Tales Based on The Canterbury Tales by Geoffrey Chaucer. Won theGolden Bear at the 22nd Berlin International Film Festival.[19]
1974 Il fiore delle Mille e una Notte A Thousand and One Nights(Arabian Nights) Screenplay written in collaboration with Dacia Maraini. Won theGrand Prix Spécial Prize.[20]
1975 Salò o le 120 giornate di Sodoma Salo, or the 120 Days of Sodom Based on Les 120 journées de Sodome ou l’école du libertinageby Marquis de Sade. Screenplay written in collaboration with Sergio Citti with extended quotes from Roland Barthes‘ Sade, Fourier, Loyola and Pierre Klossowski‘s Sade mon prochain.

Mamma Roma:

Discussion

One thought on “Loneliness – Pier Paolo Pasolini

  1. A reblogué ceci sur rhizomiques and commented:
    Add your thoughts here… (optional)

    Posted by didier bazy | August 13, 2013, 12:02 am

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Entrez votre adresse mail pour suivre ce blog et recevoir des notifications de nouveaux articles par mail.

Join 5,404 other followers

Categories

Archives

poster und Kunstdrucke kaufen

Flickr Photos

Parc Floral de Paris

More Photos
%d bloggers like this: